domenica 17 gennaio 2016

Minestrone di crescione e rape con gnocchi di semolino al prosciutto...Corba od povrca sa knedlamna od griza...




Allora ci sono anch’io nella Grande Famiglia  #mtchallenge  e ne sono davvero felice ! Nel mese del grande freddo si suppone e a rispondere al quesito lasciato da Vittoria che spero di poter conoscere anche di pirsona pirsonalmente...

Quando ancora abitavo a Belgardo con i miei (parliamo della penultima glaciazione Wurm per la precisione)  mia madre preparava spessissimo le vellutate e i mini minestroni come li chiamava lei e nella gran parte dei casi, direi nella stragrandissima parte dei casi si trattava dei piatti recuperati all’ultimo momento dagli ingredienti che c’erano in fondo ai cassetti del frigorifero.
Quindi, mezzo porro, due-tre  carote tutte ormai poco presentabili, qualche cimetta di cavolfiore o qualche foglia di verza o di bieta e un paio di patate. Se l’assortimento degli ingredienti era particolarmente scarso frullava tutto aggiungendo poco latte e se invece le verdure  erano di più le lasciava così, tagliate a cubetti e ci aggiungeva  l’orzo, una manciata di riso o i cubetti di pane conditi con paprica e un filo d’olio e abbrustoliti nella teglia del forno.  E le venivano non bene ma benissimo !! Ma se c’era una componente del mini minestrone (si capisce anche perché mini) che non mancava mai quella era la pancetta affumicata...e non solo a casa nostra ma in qualsiasi casa serba che si rispetti. Del resto...dalle steppe proveniamo! Mentre il minestrone a casa nostra era fatto così come capita, con la mano sinistra come si usa dire, il brodo di carne della domenica suscitava un rispetto degno della Regina D’Olanda. Le verdure dovevano essere freschissime, comprate la mattina presto al mercato (si, sono aperti anche di domenica i mercati a Belgrado), la carne scelta con cura guardandola e girandola senza parlare  dell’osso che spesso non era una scelta ma un caso visto che i macellai, sempre dei decenni ormai parliamo, decidevano per simpatia o meno che osso regalare. A casa Bogdanovic nel brodo di carne galleggiavano gli gnocchi di semolino, una sorta delle quenelles grandi quanto un cucchiaio da minestra (che ai tempi miei erano molto più grandi di adesso) che cuocevano nel brodo e dovevano essere né troppo morbide ma neanche dure come i sassi, porose ma anche compatte nello stesso tempo ed erano un costante argomento di conversazione durante il pranzo : saranno venute bene o meno ? il semolino era troppo fine o per un pizzico più grossolano? E l’uovo...era troppo grande o troppo piccolo ? Il brodo sobbolliva a modo giusto? Roba seria da far venire l’ansia da prestazione...quasi come la mia prima sfida #mtc53




Dok sam jos zivela u Beogradu (znaci negde u vreme poslednje ili pretposlednje glacijacije Wurm) moja mama je cesto pravila corbe  koje je zvala klin corbe a svi jako dobro znamo (bar mi nesto stariji) zasto se one tako zovu. Ne secam se da je bas tako cesto isla na pijacu sa numero da kupi povrce bas za corbu vec su se one radjale od ostataka povrca koje se onako povlacilo po dnu frizidera...parce praziluka, dve tri sargarepe onako nikakve i na prvom stadijumu smezuravanja, nekoliko cvetica karfiola, par listova kelja i par krompira. Ukoliko je sastojaka bilo malo te corbice su bile redovno izmiksovane sa malo mleka a ukoliko je ostataka bilo dosta onda smo se pravili da smo bas tako i hteli pa je sve onako bilo seckano na iste kockice i u nju se onda ukuvavala ili gersla, ili saka pirinca ili kockice hleba zacinjene alevom paprikom i uljem i prepecene u rerni. Uprkos nepobitnoj cinjenici da su te corbice bile “poslednja sansa” redovno su ispadale ne dobre nego bozanstvene !! Doduse ako je postojalo nesto sto nije u njima nikako moglo da nedostaje onda je to bila dimljena slaninica...a nije to tako bilo samo u nasoj kuci nego u svim postenim srpskim kucama. I dok su se ove corbice od povrca pravile tek tako  levom rukom nedeljna supa je bila carica kuhinje. Za nju se zorom rano odlazilo na pijacu da bi se kupilo sveze povrce “za supu”, da bi se izabralo pravo parce mesa i to ne samo jedno i od jedne vrste mesa (to se i podrazumeva) i da bi se gledalo da se od mesara izvuce najbolja i ona prava suplja kost od koje se dobija supa koja je vredna i engleske kraljice ! Znaci, kasapin je morao da bude prijateljski nastrojen...U kuci Bogdanovica su najcesce po supi plivale knedle od griza velike kao supena kasika (a zna se da su onomad supene kasike bile puno vece nego sada) koje su morale da budu ni suvise mekane a ni kao kamen tvrde, supljikave ali i kompaktne u isto vreme a bile su i redovni argoment barem prve polovine vec pomenutog nedeljnog rucka : kakve su? Da nije griz bio suvise sitan ili jos gore suvise krupan? A jaje...mozda je bilo premalo ili mozda preveliko ? da li je supa vrila suvise jako ? Sve ozbiljne stvari koje su godinama pothranjivale moju tremu koju sam tek od skoro uspela da prevazidjem. I jos nesto...nikada mi nije bilo jasno zasto moraju da se mere na kasicicu samo zato da bi se onda svi plasili da nece dobro uspeti ?
p.s. ako nekoga interesuje...po mojoj meri 12 kasicica bi trebalo da bude 35 g griza !




Minestrone di crescione e rape bianche con gli gnocchi di semolino al prosciutto

(per 4 persone)



1 porro medio

3 carote

1 gambi di sedano

1 spicchio d’aglio

2 rape bianche (con le foglie)

1 grossa patata

1 mazzo di crescione da 500 g circa

1 spicchio di zucca

1 cucchiaio di burro

Acqua

1 cucchiaino di coriandolo in polvere

Sale, pepe nero



Per gli gnocchi di semolino

12 cucchiaini rasi di semolino (35 g)

1 uovo

Sale

40 g di pancetta affumicata e cotta





Pulite il porro, lavatelo molto bene e tagliatelo a rondelle sottili. Lavate e pulite le carote, spellatele e tagliatele a rondelle. Lavate il gambo di sedano, privatelo dagli eventuali filamenti e affettatelo sottilmente. Sbucciate lo spicchio d’aglio. Tagliate le foglie dalle rape, lavatele e tagliatele a strisce larghe. Spellate invece le rape e riducete una a listelli sottili e l’altra a dadini grandi 1 cm. Lavate bene la patata, eliminate la buccia e riducetela a dadini grandi quanto quelli della rapa. Lavate bene le foglie di crescione e tagliatele a strisce larghe. Eliminate la buccia e i semi della zucca e tagliatela a listelli sottili. 




Per gli gnocchi di semolino

Mettete l’uovo in una tazza e sbattetelo leggermente con la forchetta. Aggiungete un pizzico di sale e il semolino e mescolate energicamente per amalgamare tutto. Il composto deve risultare più lento di quanto a voi sembrerebbe “normale” ma dovete anche non cascare nella tentazione di aggiungere altro semolino. Incorporate anche la pancetta tritata finemente (anche frullata va bene, anzi, sarebbe meglio) e mescolate di nuovo. Lasciate riposare tutto nel frigorifero.



Intanto fate sciogliere il burro in una larga pentola pesante e soffriggetevi leggermente il porro con le carote e il sedano. Aggiungete i listelli delle rape, della zucca e l'aglio schiacciato e soffriggete leggermente, aggiungete la rapa e la patata a cubi e salate con moderazione. Aggiungete la polvere di coriandolo e mescolate di nuovo. Per ultimo aggiungete le foglie di rapa e di crescione, condite con poco pepe nero macinato al momento e coprite con l’acqua (non completamente). Portate all’ebollizione, abbassate la fiamma e coprite con il coperchio. Fate cuocere per 1 ora e mezzo circa e controllate se bisogna aggiustare di sale e di pepe. Aiutandovi con  due cucchiaini formate le piccole quenelles che farete scivolare nel minestrone appena in ebollizione e fate cuocere altri 20 minuti circa fino alla cottura completa degli gnocchi (l’unico modo per esserne sicuri è assaggiare uno).

Fate riposare il minestrone per mezz’ora almeno e servitelo con un filo di olio extravergine e una spolverata di prezzemolo tritato finemente se volete. 




Corba od bele rotkve sa knedlama od griza i sunke

(za 4 osobe)

1 praziluk srednje veliciine

3 sargarepe

1 struk celera

1 cen belog luka

1 poveci krompir

2 bele rotkve sa liscem

500 g blitve

1 kriska bundeve

1 kasicica korijandera u prahu

1 kasika putera

So, biber

Voda



Za knedle od griza

12 ravnih kasicica griza

1 jaje

So

40 g samlevene dimljene sunke ili prsute



Operite i ocistite praziluk i iseciteg ga na tanke kolutove. Ocistitei oljustite sargarepu i iseckajte i nju na tanke koturice. Ocistite celer i tanko ga iseckajte. Oljustite beli luk. Skinite lisce sa repe, operite ga i krupno isecite. Repu oljustite i jednu iseckajte na jako tanke listove a drugu na kockice velicine 1 cm. Operite i oljustite krompir i isecite i njega na kockice velicine 1 cm. Operite blitvu i krupno je isecite. Uklonite koru i semenke sa bundeve i iseckajte je na tanke listove.




Za knedle od griza

U solji za belu kafu kratko ulupajte jaje sa malo soli i dodajte griz. Dobro promesajte. Masa koju treba da dobijete treba da bude redja nego sto se vama cini da bi trebalo i sprecite sebe da dodate jos griza. Umesajte suvo meso prethodno samleveno i ostavite da odlezi bar sat vremena u frizideru.


U medjuvremenu rastopite i zagrejte puter u teskom dubokom loncu u kome ce se kuvati corba i proprzite malo praziluk, celer i sargarepu. Potom dodajte listice rotkve, bundeve i izgnjeceni beli luk i jos malo proprzite. Dodajte kockice rotkve i bundeve i posolite ali ne preterano. Pospite korijanderom i ponovo promesajte. Na kraju dodajte lisce rotkve i blitve, pobiberite i sipajte vodu da ogrezne (nesto manje). Ostavite da provri pa kada je provrelo smanjite vatru i poklopite. Kuvajte oko sat i po i na kraju probajte da li treba jos da se posoli i li pobiberi po ukusu. Pomocu dva male kasicice pravite ovalne knedle i spustajte ih u corbu koja vri ali ne preterano jako. Ostavite da se kuva jedno 20 minuta, dok knedle ne omeknu. Jedini nacin je da ih probate.

Ostavite corbu da odlezi bar pola sata pre nego sto je posluzite sa malo maslinovog ulja i sitno seckanog persuna ukoliko hocete. 


Con questa ricetta partecipo alla sfida di Gennaio #mtc53 :


22 commenti:

  1. Un minestrone ricco senza essere pesante e quegli gnocchi di semolino? Me ne sono innamorata. Mai fatti così, nè tanto meno usati nel brodo o nel minestrone. Me lo voglio ricordare, per rifarli, prima o poi.
    Ma lo sai che non mi sembra possibile che tu non fossi nell'MTC? Ma cosa aspettavi?!? :-D
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece no...era pigrizia ma sopratutto la paura di non poter stare ai ritmi MTC !! Sono contenta che gli gnocchi ti siano piaciuti...per la verità si fanno normalmente senza prosiutto dentro e con l'aggiunta di un cucchiaino di burro ma io l'ho saltato perché ci sono già gli grassi del prosiutto ! A prsto cara ALice !

      Elimina
  2. I u našoj kući je bilo vrlo slično. Supa, čorba je bila pod obavezno. Nedeljni konsome sa jajetom ili svežim rezancima je bio očekivan.
    Stvar sa knedlama je bila neizvesna jer mama nije bila baš ekspert za njih dok joj tetka koja ih je pravila levom rukom i sa peršunom i celerom, nije jednog dana stajala bad glavom... posle se stvar sa knedlama popravila jer je mama uvek osmatrala jaja i birala baš onakvo kakvo je tetka uzela... :-)
    Moram ti priznati u poverenju reskirajući da kažeš pih, da često zimi uzmem smrznutu mešavinu za Minestrone ne što sam neka velika lenčuga već na pijaci zimi nije neki izbor :-(
    Držaću se tvog recepta za knedle jer i ja pravim sa promeljivom srećom :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma knedle su uvek neizvesne ali moram dapriznma da su ovako skoro uvek dobre...skoro zato sto zaista zavisi i od griza (ako je suvise sitan po meni ne valja)! Moram da ti priznam da imas pravo sto mislis da cu da se namrstim...zimi se pravi od zimskog povrca i tacka ! Tu sam veliki ratnik protiv zamrznutih stvari ako ne mora, a obicno ne mora...

      Elimina
    2. U kesi potpuno sezonsko povrće :-)
      Nego ovo sad sam otvorila kroz Operu, Norton mi nedozvoljava da otvorim kroz explorer, kaže da stranica sadrži virus. To mi se dežava sa dosta hrvatskih blogova. Kažu žene da im se niko nije žalio, čak i one imaju Norton! Šta mi radi samo da mi je znati?

      Elimina
  3. Allora benvenuta! Io mi aspettavo che ci fossi già! Ma il tuo mi sembra un ingresso alla grande! Piatto davvero molto particolare, sicuramente da provare!

    RispondiElimina
  4. E brava!! Ci hanno incastrati, ora arrivo anch'io, poetico il racconto di casa tua, Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti aspetto dietro l'angolo...sono proprio curiosa ! Di questi racconti di casa mia si potrebbero scrivere libri e libri ! E non sono sempre poetici ;) Un abbraccio.

      Elimina
  5. Che belli gli aneddoti con cui hai introdotto la tua ricetta! E che gola mi fa questa minestra, dove ritrovo il mio amatissimo crescione. Da provare senza indugi, ché sono curiosissima di assaggiare questi gnocchi di semolino: devono essere deliziosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parte più interessante di ogni blog è quella extra ricetta il che non vuol dire che la ricetta debba fare cilecca ! Grazie...

      Elimina
  6. Che bellezza averti tra noi, benvenuta!
    E poi che bellissimo post, pieno di usi, tradizioni.. sono le ricette più belle!
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ! Ci sarà da divertirsi ma anche da imparare un sacco di cose...a presto !

      Elimina
  7. Catturati dall'MTC e dalla delizia delle zuppe! Con il semolino devo provarci perché mi sembra ci stia alla perfezione. Zuppa ricca, meravigliosa :-)))

    RispondiElimina
  8. Ciao Marina, sono molto felice che tu sia entrata a far parte di questa pazza famiglia e che la prima sfida in cui ti cimenti sia la zuppa. La tua partecipazione arricchisce la gara di una cultura antica per me molto interessante e sono felice di poter esplorare e lasciarmi guidare tra i balcani. La tua proposta mi piace moltissimo, soprattutto per gli gnocchi al semolino ripieni che tempestano di pietre preziose un piatto "povero".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il ti benvenuto Chiara ! Mi fa molto piacere leggere le tue parole a spero di conoscerti una volta ...che responsabilità alle spalle portare i Balcani in giro per MTC ! A presto...

      Elimina
  9. leggo e penso come abbiamo fatto finora senza di te. E non solo per la finestra sui Balcani che ci spalanchi, con il tuo ingresso nel gioco: ma per il modo tutto peculiare che hai, di raccontare le tue ricette, con competenza, passione, cultura. Ragazza mia, hai un futuro qui dentro :-) E ora puoi ufficialmente spaventarti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Alessandra...della Vergine sono e sono spaventatissima !! Perciò ho evitato in tutti questi anni 😊 ma adesso ne sono proprio felice...grazie !

      Elimina
  10. Ciao Marina, ingresso trionfale con questa bellissima corba così originale.
    Finalmente ti abbiamo fra noi! Mi sembra un grande acquisto che arricchirà tutti
    Conosco pochissimo la cucina serba, questo è uno spiraglio, e spero di conoscerla meglio grazie a te. I gnocchi di semolino mi sa che provo a farli stasera! Ma credo finiranno in un mini minestrone come dici tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vittoria ! E' una grande responsabilità allora sulle mie povere spalle...i mini minestroni unisconoil mondo, non credi ? A prestissimo :)

      Elimina