lunedì 21 ottobre 2013

Biscotti integrali con pistacchi e fiori di tiglio...Integralni keksi sa pistacem i cvetom od lipe...





Sarà la questione di età ma sempre più spesso mi manca Belgrado.  Intendiamoci, mi manca Belgrado che ho lasciato più 23 anni fa..quella stessa città dove sono cresciuti i miei genitori...era un’altra cosa. E’ molto particolare il rapporto che i nati a Belgrado (me compresa) hanno con la loro città – non è un amore cieco ma un amore consapevole e quindi critico.
Nascere a Belgrado è uno stato d’animo. Non è l’amore a prima vista, non si tratta quindi della passione che arde e che consuma. E’ uno stato di innamoramento perenne che ci permette di vedere quello che gli altri magari non vedono e di vedere tutto con gli occhi diversi. Passo dopo passo accarezziamo con gli occhi le facciate dei palazzi ormai scrostati, camminando nei parchi ci lasciamo abbracciare dalle chiome degli ippocastani mentre da lontano arriva l’aria inebriante dei tigli di Belgrado. Chiedete ai Belgradesi che vivono sparsi per il mondo del profumo dei tigli e diranno tutti che i tigli fuori Belgrado non profumano affatto. Il sentimento che meglio di tutti spiega l’amore dei nati a Belgrado verso la loro città è la nostalgia...quel miscuglio di amore che c’è e che è stato, quel sentimento leggermente impregnato di tristezza. Va gestita la nostalgia perché se non è gestita bene tende a prevalere e a distruggere tutto...
Quando andavo al liceo (il patto di Versailles era già siglato) tutte le mattine alla radio alle 7.15 c’era una trasmissione condotta da Dusko Radovic, un giornalista e scrittore che si chiamava “Buon giorno Belgrado”. Iniziava con i suoi aforismi sulla vita, sulla società, su Belgrado soprattutto (anche se lui era belgradese solo di adozione)...erano vere perle di saggezza tra ironia e cinismo ! Che bei tempi....


Donne, regalate le sorelle ai vostri figli...le sorelle quando crescono diventano zie e le zie sono i doni più belli e più preziosi di qualsiasi infanzia.

E’ terribile avere qualcosa di importante da raccontare e non sapere a chi raccontarlo. Ma è peggio ancora avere a chi raccontare ma non sapere che cosa.

Colui che è capace di amare non dovrebbe fare altro.

E’ possibile realizzare qualsiasi cosa, basta non pensarci.

Con molta probabilità adesso si sta benissimo là dove si stava molto male proprio menre c’eravamo noi.

Il fatto che nessuno vi ascolta è un buon motivo per stare zitti e non per parlare sempre di più e ad alta voce.

Ieri qualcuno ha trovato quello che non stava cercando. Quello che lui cercava aveva sicuramente trovato qualcun altro.

Non correte dietro alle donne per non sbattere contro quelli che scappano da loro.

Alzi la mano chi ha qualche problema e resti così finché il braccio non si addormenti. Una volta abbassato il braccio vi sentirete molto meglio.

Non serve a nulla avere molto problemi se non sappiamo come risolverli.

E’ povero chi ha dei soldi ed è ricco invece chi i soldi li spende.

Chi si è svegliato stamattina a Belgrado per oggi potrebbe considerarsi fortunato abbastanza.

La nostra città si è trasformata in una grande sala d’attesa...tutti aspettiamo i tempi migliori.

Soltanto i figli che non danno retta ai propri genitori possono diventare migliori rispetto a loro.




Bice da se radi o godinama ali sve vise i vise mi nedostaje Beograd. Da se dobro razumemo, nedostaje mi Beograd koji sam ostavila pre 23 godine...isti grad u kome su odrasli moji roditelji...to je nesto sasvim drugo. Vrlo je specifican odnos koji rodjeni Beogradjani (i ja medj’ njima) imaju prema njihovom gradu – nije to slepa ljubav nego ljubav koja je svesna i kriticna. Roditi se u Beogradu je jedno specijalno stanje u dusi. Nije to ljubav na prvi pogled, nije to strast koja gori i trosi. To je stanje stalne zaljubljenosti koje cini da vidimo ono sto drugi ne vide i da vidimo sve drugim ocima. Svakim korakom mazimo ocima jos odavno oguljene fasade, setajuce se parkovima osecamo kako nas grle krosnje divljih kestenova dok iz daljine do nas dopire omamljujuci miris beogadskih lipa. Pitajte Beogadjane koji zive sirom sveta o mirisu lipe i svi ce vam reci da lipe van Beograda uopste ne mirisu. Osecanje koje najbolje ocrtava ljubav Beogradjana prema njihovom gradu je nostalgija...ta mesavina ljubavi koja postoji sada i koja je bila nekada, taj osecaj lagane tuge. Nostalgija mora da se kontrolise jer ukoliko se ne kontrolise ona prevagne i u stanju je sve da unisti...

Dok sam isla u gimnaziju (znaci nesto posle potpisivanja Versajskog Mira) svakog jutra je na Studiju B u 7.15 bila emisija Duska Radovica “Dobro jutro Beograde”. Pocinjala je ukoliko se ne varam njegovim aforizmima o zivotu, o drustvu, cesto o Beogradu (iako on bio Nislija ali je govorio da je on usvojeni Beogradjanin)...pravi biseri mudrosti negde izmedju ironije i cinizma ! Kakva su to vremena bila...




Mame, rađajte deci sestre, jer sestre postaju tetke, a tetke su najlepši, nezamenjivi dar svakom detinjstvu.



Strasno je to kad imate da ispricate nesto vazno a nemate kome. A jos je strasnije kad imate kome, a nemate sta.

Ko ume da voli, ne bi trebalo nista drugo da radi.

Sve se moze kad se mnogo ne misli o tome.

Nekada smo imali ideale a danas samo njih nemamo.

Sada je verovatno lepo tamo gde je bilo ruzno dok smo mi bili.

To sto vas niko ne slusa je razlog da cutite, a ne da govorite jos vise i glasnije.

Juce je neko nasao ono sto nije trazio. Ono sto je on trazio nasao je neko drugi.

Ne trcite za zenama da se ne sudarite sa onima koji od njih beze.

Ko ima problema neka digne ruku. I neka je drzi tako dok mu ne utrne. Kad spusti ruku bice mu mnogo lakse.

Sta nam vredi sto imamo mnogo problema kad ne znamo kako da ih resimo.

Siromasan je onaj koji ima para a bogat je onaj koji ih trosi.

Ko se probudio u Beogradu za danas je dovoljno postigao u zivotu.

Nas grad se pretvorio u veliku cekaonicu. Svi cekamo lepse dane.

Samo deca koja ne slusaju mogu postati bolja od svojih roditelja.



per 50 biscotti:


250 g di farina integrale
80 g di pistacchi
100 g di burro
125 g di zucchero
4 tuorli
poca acqua fredda
1 cucchiaino di fiori di tiglio
l'albume per spennellare + zucchero


Tritare i pistacchi e mescolarli alla farina. Portare il burro a temperatura ambiente e tagliarlo a cubetti. Su una spianatoia sbricciolare con le dita il burro insieme alle due farine, lo zucchero e la buccia gratuggiata d'arancia. Aggiungere i tuorli uno alla volta e impastare velocemente aggiungendo, se è necessario, qualche cucchiaio d'acqua fredda. Formare un disco di pasta, avvolgerlo nella pellicola trasparente e lasciar riposare nel frigorifero per almeno 30 minuti.
Stendere la pasta in una sfoglia alta un pò meno di 1/2 cm (o più alta se vi piace) e tagliare i biscotti con le formine che preferite. Adagiare i biscotti sulla placca da forno coperta di un foglio di carta da forno, spennellarli con poco albume d'uovo e cospargerli con lo zucchero.
Cuocere nel forno riscaldato a 180° per 8 minuti.




Za 50 biskvita :

250 gr integralnog brasna
80 gr neslanih pistaca
100 gr putera
125 gr secera
4 zumanca
nekoliko kasika hladne vode
1 kasicica lipovog cveta
belance za premazivanje + secer

Samleti pistac i pomesati ga sa brasnom. Na dasci za mesanje izmrviti prstima dve vrste brasna sa secerom i  puterom na sobnoj temperaturi iseckanim na kockice. Dodati izrendanu koricu od pomorandze i brzo umesiti testo dodavajuci jedno po jedno zumance i malo hladne vode ukoliko je potrebno. Napraviti disk od testa, zaviti ga u prijanjajucu foliju i ostaviti barem 30 minuta u frizideru. Razvuci oklagijom testo nesto malo tanje od 1/2 cm i vaditi kekse modlicom po zelji. Poredjati ih u pleh preko papira za pecenje, premazati belancetom i posuti kristal secerom.
Peci u rerni  koja je prethodno zagrejana na 180° ne vise od 8 minuta.
U metalnoj kutiji traju desetak dana.

32 commenti:

  1. Znaš da sam se kao dete smejala kad su mi roditelji pričali svoje beogradske događaje iz detinjstva, vodili me na mesta gde su odrastali. Danas ja deci pričam o nekim beogradskim mestima kojih više nema. Kad im pričam o 'štrafti' u Knez Mihajlovoj crkoše od smeha. Pitaju: 'I šta tako se sredite i šetate tamo amo i čekate Koraća da se pojavi?' Kad im peičam kako su se njihovi baka i deka za vreme rata mimoilazili u doba zamračenja u II ratu, kako je njihova prabaka pešačila od Auto komande do Bošdovačke crkve jer nije bilo tramvaja... Dok nisam pošla u školo nisam ni znala da nisu svi ljudi rođeni ovde.
    Duško Radović i Djoka Vještica su bile institucije!
    Drugo je vreme. Sad sve devojke u Knezu liče jedna na drugu, mladići su kao uvek užurbani. Niko nikog da istinski zainteresovano sasluša. Nit se Beograd meni više sviđa a vidim ni ovim mlađima. Teško je danas naći kutak za uživanje koji bi te vratio u onaj stari pitomi Beogtad :-(

    Recept je lep, malo egzotičan za naše prilike ali je zato priča super!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da....Beogad je postao potpuno drugaciji, izgubio je cistocu, i iskrenost. Ponekad mislim da ga je lakse voleti izdaleka nego ziveti u njemu i svakodnevno se susretati sa svim onim sto nam smeta.
      Znas, lipov cvet sam stavila iz cisto emoticnih razloga, mozes ti da stavis nesto drugo - pomorandzinu koricu napr...

      Elimina
  2. non sono mai stata a Belgrado, mi hanno detto che è molto bella...I pistacchi mi piacciono molto, prendo nota della ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belgrado è una città mitteleuropea...magari non bellissima ma ha due fiumi e quella parte è molto bella. I due fiumi sono anche molto vissuti, non è il mare ma il Danubio non scherza come larghezza ! Anche a me i pistacchi piacciono tantissimo e tendo a metterli non proprio dappertutto ma dove posso...
      Ciao, a presto !

      Elimina
  3. Divan tekst,slike koje nose tu emociju nostalgije, ali zaista...i keksići koji obećavaju...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sledeci post moram da napisem veseo ! Mnogo sam se nesto unostalgicila...

      Elimina
  4. Evo! Konačno neko ko me razume! Obožavam Beograd i ne bih mogla nigde drugde da živim. Ti si lepo iskazala sve ono što ja osećam, kada prolazim ulicama i gledam oštećene fasade, kada udišem punim plućima miris smoga, najlepši pogled sa početka Brankovog mosta na Stari grad, gde se vide i Saborna crkva i luka... Volim ga i tokom aprila kada mi u glavi Zdravko peva "April u Beogradu", volim u maju, kada sve zazeleni, volim u septembru, oktobru, kada jesen zarudi, a tek u junu - kada lipe zamirišu - to je posebno stanje. Nadam se da će više Beograđana i "Beograđana" da zavole grad na moj način, pa će gospođe sa kučićima skupljati otpatke svojih ljubimaca, prestaće da se pljuje po ulicama, da se kola parkiraju bez reda i rasporeda. Eh, da mi je vlas' :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, da je vlas' i meni pa bi nas vec dve bilo...a mozda bi se nasao i jos neko od nasih prijatelja ! Ja sam i pored sve ljubavi i vezanosti za Beograd (naravno da se tu radi i o vezanost za nesto sta smo bili i nikada vise to necemo biti) prosla i kroz fazu kada sam bila ljuta na Beograd sto je dopustio da ga upropaste. Odlazila sam u Beogad i jedva sam cekala da iz njega odem a onda sam shvatila da je on u stvar moja veza sa mojim prethodnim zivotom i da tu granu ne mogu i ne smem da isecem ! Sve se to uklapa u ogromne promene do kojih je doslo iznenada i u prevelike korake koje drustvo i ljudi nisu u stanju da prate...kada pomislim da se sve u stvari moze jer da nije tako ne bi smo nas dve ovako isto razmisljale...uf...evo vec klizim u politicko sociolosku analizu a ne znam koliko je tome ovde mesto !

      Elimina
  5. Che bel ricordo della tua città di origine, Marina. Mi incuriosiscono molto questi biscotti, ma non saprei proprio dove trovare i fiori di tiglio qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si...è veramente curioso il sentimento che mi lega a Belgrado: un pò come se fosse un'amico immaginario, quello invisibile agli altri...ti puoi anche arrabbiare molto con lui ma poi ci torni...
      Silvana, i fiori di tiglio si possono trovare in certe erboristerie ma io li ho messi un pò per motivi sentimentali, quello era ovvio...un pò come se fosse stata una dichiarazione d'amore ma volendo puoi mettere i fiori di lavanda tranquillamente. Altrimenti la buccia di un'arancia non tratata...

      Elimina
    2. Grazie per le alternative proposte: certo che non avranno il "sapore di Belgrado" però. Un bacio.

      Elimina
    3. Tutto nella vita non si può avere...ormai l'abbiamo imparato, no? Un bacio anche a te Silvana...

      Elimina
  6. questo posti mi ha incantato. tenero e affettuoso.
    ti ho vista dalla chiara e ti seguo con piacere.
    con piacere vedrei anche qualche ricetta serba ma magari ce l'hai, con calma andrò a cercare.
    irene

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Irene ! Il bello dei blog è proprio conoscere le persone nuove che condividono le nostre stesse passioni...una blogger greca, che figata !! Belgardo con incanto...la missione dei suoi abitanti...
      A presto,
      Marina

      http://mademoisellemarina.blogspot.it/2012/05/anche-la-musaka-di-patate-ha-unanimai.html

      Elimina
  7. non so perchè ma a me a leggerti viene da piangere.. non vengo da Belgrado ma capisco bene il senso di appartenenza alla propria città e la malinconia che cresce col tempo.
    i biscottini con pistacchio e tigli sono proprio come piacciono a me : ) e quest' autunno che che mai risveglia sentimenti nostalgici si può affrontare solo con dei biscotti nel forno : )
    bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso dire che non mi faccia piacere avervi trasmesso quello che sento nella pancia per la mia città...ma è anche una responsabilità aver messo a tante il fazzoletto in mano ! Diceva mia zia: versare una lacrimuccia per una buona causa è un bene e poi...perdere i liquidi fa ancora meglio !!! Ho capito che tu eri "Miss biscotto"...
      bacio!

      Elimina
  8. si, si...io sono un'altra con il fazzoletto al naso!
    Che bel post Marina... riesci davvero ad arrivare al cuore con le tue parole!
    Non sono mai stata a Belgrado, ma una cosa che adoro e che caratterizza il paese dove vivo, e' il profumo dei tigli! Lo adoro!!!!
    Da ora in poi quando lo sentiro' pensero' anche a te!
    Bellissimi i biscottini...
    Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bel club di amiche di lacrima facile...che vuoi, siamo donne sensibili ! Meglio così...
      A me piace anche la tisana di tiglio, anche con la cammomilla...
      un baciotto alla mia amichetta,
      Marina

      Elimina
  9. Ja ne znam šta da kažem... U moje Pančevo sam došla kao izbeglica i nije nas lepo dočekalo. Ni blizu... Donekle je drugačija situacija sa Beogradom u kom sam studirala i gde radim. Mislim da sam donekle razumela i razloge i oprostila. Sa normalnima, tihima, došla je i manjina bučnih i punih džepova. Manjina koja je naružila sliku o ostalima a sebe proglasila domaćim - Pančevcima, Beograđanima, ... nije važno...
    I nikako ne volim podelu na domaće i dođoše. reč 'dođoš' se uvek koristi sa jako, jako ružnim prizvukom... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Imas pravo Miki...podela na dodjose i domacine nije ni malo lepa. Ruzni prizvuk naravno zavisi od usta iz kojih rec izadje. Problem je uvek u manjini ali je isto tako i tacno (na zalost) da je manjina ta koja cesto pomuti vode i poruzni nesto sto nikada ruzno nije bilo. Veruj mi da je isto tako ruzno ocekivati da se Beogradjani stide toga sto su u Beogradu rodjeni i da to treba da postane oprosti mi Boze, njihova mana...Ja tebe donekle i razumem: ja sam vec bila u Italiji kada je sve pocelo i godinama sam slusala o tome kako su Srbi samo koljaci i trogloditi..nije ni malo prijatno a ja i masa mojih prijatelja nit' luk jeli, nit' luk mirisali...

      Elimina
  10. Ma che carini questi biscotti integrali! :) Belli, ma anche salutari...e deliziosi, adoro i pistacchi!
    Un abbraccio,
    Incoronata :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ! Nell a versione originale erano con le mandorle ma visto che anch'io sono una tifosa dei pistacchi li ho sostituiti...
      A presto !
      Marina

      Elimina
  11. Ti ho appena scoperto e non posso che seguirti con curiosità...ho una passione e attrazione spropositata per i paesi della ex-Yugoslavia. Quando si parla di Serbia, Bosnia e Croazia mi brillano gli occhi. Conosco la Croazia come le mie tasche e ora è arrivato il momento di esplorare anche gli altri due paesi :)
    Sicuramente con i tuoi post imparerò ancora di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara ! Come mai questa attrazione ? Certo, una domanda stupida da parte mia - due paesi vicini, no? A Belgrado non sei mai stata? Cercherò di portarti almeno tramite il cibo e poi vedrai da sola...
      grazie per la visita e a presto,
      Marina

      Elimina
  12. Ciao Marina, grazie per la visita! Non è che anche la tua amica che è andata in NZ e poi Australia si chiama pure lei Marina? Comunque ce ne sono abbastanza che dalla Nuova Zelanda poi vanno in Australia, dove c'è più lavoro.

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...si chiama Aleksandra. Certo, sarebbe veramente una cosa incredibile capire che voi due vi conoscete !! Ma lei lavorava ed anche suo marito...lei ha semplicemente continuato a lavorare per la stessa società ma in Australia...dice che sembra più vicino al mondo !!
      Comunque, è un segno averti conosciuto, no?

      Elimina
  13. Poznat mi je taj osjećaj nostalgije u kojemu i ja često idealiziram Dubrovnik i onaj život koji sam tamo ostavila i naravno uvijek zaboravim da je to bilo prije oko 25 godina i da više ništa nije isto. Ipak, kada god dođem "doma" uživam u svakom trenutku i svakom kamenu moga grada. Uživala bih i u tvojim keksićima, jako zanimljiv recept i super keksići !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da, da...tacno je tako Branka ! Postoje jos dva mesta koje ja nosim u dusi a to su Jelsa na Hvaru i Dubrovnik...U Jelsi smo letovali od kada sam se rodila pa do desete godine a onda smo posle samo 2-3 godine lutanja krenuli sa letovanjem u Dubrovniku i to su onda bila letovanja prvih diskoteka na Babinom Kuku, pa onda Stari grad, plaze na Lokrumu, Hamlet na Lovrijencu itd...bojim se da se vratim da se ne razocaram. Prosto me je strah...isto tako i Jelsa ali su ta secanja drugacija jer sam bila mala...kaze mi Nevena da je sve ostalo isto, nadam se ! Da, ovi keksi su jako dobri - u originalu su sa bademom ali ja sam veliki ljubitelj pistaca i gde god mogu ubacim ga !

      Elimina
  14. Branka, zaboravila sam nesto...na mom postu sa tortom sa breskvama ima nesto o Dubrovniku...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, sada sam pogledala, nisam vidjela odmah post pa mi je valjda promaklo, ostavila sam tamo komentar.

      Elimina