domenica 27 maggio 2012

Il pranzo di Babette...




Un bel po’ di tempo fa un mio amico mi aveva detto di ricordargli la protagonista del film “Il pranzo di Babette”…è stato un complimento davvero bellissimo…un film così delicato e profondo…la bravura della cuoca…il suo modo di trasmettere amore cucinando per gli altri…ero lusingata, lo confesso… ma era soltanto  dopo aver visto il film “Julia & Julie”…piacevole, carino, simpatico ma ben lontano come spessore dal film del 1987 che avevo cominciato ad accarezzare l’idea di organizzare a casa mia una cena con le ricette di Babette…
Nel mio menù non c’era posto per il brodo di tartaruga…mi sembra abbastanza ovvio perché.! La tartarughina rimasta viva senza finire in una tazza di porcellana ha ceduto il posto al rotolo di pasta bigné farcito con la biedina fresca accompagnato di una salsa di carote allo zenzero…Blini al caviale e panna acida sono diventati blini al salmone affumicato e panna acida…e al posto del savarin ho preparato la bavarese con le fragole (più tempo passa più sono profumate, non si poteva non farla la bavarese)…Fin lì le modifiche, ma il piatto forte della cena di Babette erano le famose “cailles en sarcophage”….quelle le dovevo fare…!
Dopo aver studiato una marea di  ricette (compresa quella di Auguste Escoffier) e dopo aver notato un errore abbastanza grossolano nel film…anzi, ben due…mi sentivo teoricamente pronta. Bisognava semplicemente ordinare le quaglie dal macellaio (no problem..c’è Marco, il mio macellaio di fiducia al mercato di San Giovanni  di Dio) e chiedergli di disossarle..!!  Adesso, Marco è  quasi un amico e mi segue pazientemente in tutte le imprese culinarie…taglia il filetto dove dico io…i bocconcini di carne come voglio io…ha disossato non so quante selle d’agnello ma le quaglie no… non le aveva mai disossate…! In tutti questi anni scherzando l’ho sempre minacciato con le quaglie e così, due settimane fa, quando mi sono presentata davanti al suo banco lui era convinto che scherzassi di nuovo..! Mica scherzo io con le quaglie… Comunque, solo i petti.. le coscie e le ali no..! 
E' stata una serata molto carina con Massimo e Gloria, Roberto e Tina...

Quindi, per iniziare abbiamo brindato con questo Don Perignon veramente eccezionale...


...l'antipasto freddo: Blini con salmone affumicato e panna acida...esistono tantissime ricette per i blini ma questa l'ho trovata particolarmente buona...i blini restano soffici anche quando si raffreddano (non è una cosa da poco..)...tutti hanno gradito...


...l'antipasto caldo: Rotolo verde con bieta e speck e salsa di carote allo zenzero...una mia variante del famoso "must" della cucina di mia madre...!


Per il piatto forte abbiamo aperto questo Bordeaux...il regalo di Ivan, il marito di Mina...la mia amica del cuore...visto che loro abitano a Bruxelles, era un modo per averli insieme a noi ieri sera...bravi gli amici Francesi..!


...e con il Bordeaux...le "cailles en sarcophage"...eccole...(povere quagliette) comodamente sdraiate nel vol-au-vent (si, anche questi li ho fatti io..), farcite con i funghi, paté e tartufo e accompagnate da una salsa fatta con le loro ossicine, scalogni, aglio, cognac, fondo di pollo, vino bianco...alla fine filtrato e legato con una noce di burro e tartufo...squisita davvero...



Bavarese di fragole per dessert...



...per finire la serata, per fare altre due chiacchiere ascoltando un pò di buona musica...questo Porto Ramos Pinto del 2000 Vintage...da meditazione...eccezionale...mi dispiace che non c'erano anche i miei amici e amiche calabresi..l'avrebbero apprezzato...sarà per un'altra volta..



Le ricette arrivano nei prossimi post...

Nessun commento:

Posta un commento