giovedì 31 maggio 2012

Involtini di pollo e mandorle...rolnice od piletine sa bademom...





Delle volte capita di avere il frigorifero vuoto…e lì non si può far altro che tirar fuori un piatto di pasta all’olio (che tristezza)… fare una corsa fino alla pizzeria e portare a casa due Margherite…i fortunati possono anche dare un colpo di telefono alla mamma e farsi invitare a cena, ma io…visto che mia mamma abita a 1 ora abbondante di aereo da Roma, non posso fare neanche questo…
Per fortuna, capita veramente di rado…e poi, da quando nella mia vita esiste “La Giuseppina” – la Signora che mi prepara la salsa di pomodoro ogni anno (Calabrese ovviamente…sia la Giuseppina che il pomodoro)…almeno non c’è l’incubo della pasta all’olio e parmigiano..! Sarà perché non sono nata in Italia ma non riesco a farmela piacere..!
Però, delle volte ci ritroviamo con il frigorifero “triste”…il resto di una spesa, quello che normalmente compriamo per avere un Jolly…il classico petto di pollo e due pomodori (ormai mosci, quindi neanche l’insalata …)…un limone…frutta secca…insomma, gli accessori..! Non molto tempo fa mi sono ritrovata con un frigorifero così e mia figlia che non aveva nessuna voglia di mangiare il petto di pollo impanato e fritto…per giunta, aveva molta voglia di mangiare qualcosa di diverso e poca voglia di studiare latino…era disposta anche a darmi una mano…! Così ci siamo ricordate gli involtini di pesce spada mangiati qualche anno prima a Lipari..ci siamo guardate e piano, piano…tirando fuori quello che c’era abbiamo inventato la “variante chicken”…
Del resto, anche lo Champagne è nato per caso…gorgonzola pure…

Ponekad se desi da je frizider potpuno prazan...u tom slucaju nema druge nego "rezanci sa uljem" (na samu pomisao se rastuzim)...trkom da se kupe dve pizze Margherite...oni malo srecniji podignu telefon i najave se mami na veceru a posto moja mama stanuje na sat vremena avionom od Rima ja ne mogu cak ni na tu varijantu da racunam...
Na svu srecu to se desava zaista jako retko a od kada u mom zivotu postoji "Giuseppina" koja mi svake godine pravi sos od paradajza (bozanstven...made in Calabria) bar mi je  uskracena mora testa zacinjenog uljem i parmezanom..! Najverovatnije je to zato sto nisam u Italiji rodjena ali ni posle vise od 20 godina tako nesto nisam u stanju da prihvatim...!
Cesto se desava u stvari da nam je frizider "tuzan"...u njemu je necega bilo pa je malo ostalo, mozda je ostalo nesto sto smo kupili kao "Dzoker"...klasika je pilece belo meso, dva paradajza (vec omeksala pa ni za salatu ne mogu da se iskoriste)..limun...neki ostatak oraha ili badema...sve u svemu nista konkretno..! Pre izvesnog vremena sam se zatekla sa takvim friziderom i cerkom koja je htela da vecera nesto originalno (znaci otpisala je pohovanu sniclu) a nije bas htela da uci latinski...bila je cak i spremna da mi pomogne...! Pale su nam na pamet rolnice od sabljarke koje smo pre par godina jeli na Siciliji...pogledale smo se i pocele da izvlacimo iz frizidera sve sto se izvuci moglo...tako je nastala "varijanta chicken"...
Uostalom, i Sampanjac je nastao slucajno...gorgonzola...

12 fettine di petto di pollo tagliate molto sottili
3 belle zucchine
1 fetta di pane vecchio
succo di 1 limone
buccia di limone
origano, prezzemolo
4-5 cucchiai di mandorle
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
sale
2-3 cucchiai di pecorino
2 pomodori
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1 limone




12 jako tanko secenih snicli od pileceg belog mesa
3 lepe tikvice
1 kriska starog hleba
sok I korica od jednog limuna
origano, persun
4-5 kasika mlevenih badema
1 kasika maslinovog ulja
so
2-3 kasike rendanog ovcijeg sira ili parmezana
2 lepa paradajza
1/2 case suvog belog vina
1 limun

 
Tagliare le zucchine  a fette sottili e farle grigliare su una piastra di ghisa (oppure sul famoso tegame di teflon con un cucchiaino di olio).
Far ammorbidire il pane nell’acqua e strizzarlo bene con le mani. In una ciotola mescolare il pane con le mandorle, aggiungere 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, un po’ di origano, sale, la buccia grattugiata del limone e il succo del limone.
Per preparare gli involtini salare ogni fettina di carne e coprirla con le fettine di zucchine. Cospargere tutto con circa 1 cucchiaio di mandorle. Avvolgere la fettina per preparare l’involtino e stringerlo con le mani (non bisogna assolutamente legarlo con lo spago).
Ungere di olio una teglia da forno e coprire il fondo con le rondelle di pomodoro. Disporre gli involtini  e cospargerli con il resto delle mandorle e il formaggio. Mettere una mezza fettina di limone fra gli involtini e condire tutto con un filo d’olio e una spruzzata di vino bianco.
Cuocere nel forno precedentemente riscaldato a 180° per 15-20 minuti al massimo.




Iseci tikvice na tanke ploske (uzduz) i ispeci ih na grilu (ili na vec ponzato teflonskom tiganju podmazanom sa kasicicom ulja).
Namociti hleb u vodi i dobro ga iscediti rukama. U jednoj ciniji ga pomesati sa bademima, jednom kasikom seckanog persuna, dodati malo origana, posoliti i dodati izrendanu koricu od limuna i sok od 1 limuna.
Posoliti svaku sniclu i pokriti je tikvicama. Preko toga rasporediti otprilike 1 kasiku badema i zarolati. Pritisnuti rukama (ne treba uopste da se vezuje kanapom).
Podmazati dno jedne tepsije koja ide u rernu i prekriti dno paradajzom secenim na snite. Preko paradajza poredjati rolnice i posuti ih ostato badema i sirom. Izmedju svake rolnice staviti polovinu snite limuna, poprskati sa malo ulja i belog vina.
Peci u prethodno zagrejanoj rerni na 180° 15 – 20 minuta najvise.




Con questa ricetta partecipo al contest...
Il mio nuovo contest con Wald

2 commenti:

  1. Marina innanzitutto piacere di conoscerti che bel blog e che bella ricetta, invitante e sfiziosa!!!!! Anche con il frigo vuoto direi che sei riuscita a cavartela egregiamente! Grazie per aver partecipato ricetta aggiunta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, piacere di conoscerti...
      Sono contenta che la ricetta ti sia piaciuta...E' facile cucinare dopo aveer fato la spesa, no?

      Elimina